Fatica sprecata

Sarà che ho sempre detestato i pregiudizi e le etichette che oggi mi sforzo di non fermarmi al primo sguardo. Mi sforzo di non fare un battesimo su due piedi.

E anche la mia fotografia ultimamente sembra prendere questa strada. Del non detto, dell’intravisto, dell’oltre, dell’indefinito, del “può essere tante cose”.

Io restitiusco il mio lavoro e lo lascio andare, poi ciascuno vi troverà ciò che vuole.

E così è anche con noi stessi: ci offriamo, e gli altri vedranno ciò che vogliono vedere.

Tanto non ci si prende mai.